PRIMA SQUADRA – Calcio Marghera incontenibile, battuto 4 a 1 a domicilio il Città di Mira (Fonte Tuttocampo)

In una giornata in cui vede contrapposte le dirette inseguitrici dell’Oriago, con la capolista che fa visita alla Salese quarta in classifica, Città di Mira e Marghera cercano di avvicinare la prima posizione in caso di una battuta di arresto dei rivieraschi. Ne esce un primo tempo dove le due formazioni provano a controllarsi e di non far imporre il gioco dell’avversario, ed infatti la prima mezzora scivola via senza vedere impegnati i due estremi difensivi. Al 30° il Mira ha una fiammata con Castellani che si invola sulla destra, serve dentro l’area Fuin il cui diagonale chiama alla prodezza Tasso che si distende e devia. Ci provano gli ospiti al 34°, Peron e Sambo duettano sulla fascia destra e il tiro di quest’ultimo finisce sull’esterno della rete. Al 37° è splendida l’esecuzione in semirovesciata di Nordio sul cross di Baggio ma la palla sfiora la traversa con gli ultras rossoverdi, anche oggi presenti e chiassosi, pronti ad esultare.

Il secondo tempo è un’altra musica per gli uomini di Zanetti che in otto minuti chiudono il match, complice anche qualche disattenzione difensiva di troppo dei locali. Al 47° Peron servito in profondità insacca con un preciso fendente sul palo alla destra di Trevisanato. Il portiere del Mira al 52° subisce anche il raddoppio sugli sviluppi di un calcio d’angolo che trova in Favaretto lo stacco di testa giusto. Al 55°è ancora l’incontenibile Peron a servire Del Mela che calcia a botta sicura, Trevisanato respinge ma in agguato c’è Brovedani che insacca. Sono otto minuti in cui oltre a subire i tre gol il Marghera usufruisce anche di tre calci d’angolo sugli cui sviluppi l’estremo difensore mirese compie un paio di prodezze su Del Mela e Sambo. Faticano a reagire i ragazzi di Saletti che al 70° rischiano di subire la quarta segnatura, dove l’indiavolato Peron serve Del Mela il cui diagonale viene respinto in tuffo da Trevisanato. Quarta rete che arriva al minuto 75, dove manco a dirlo Peron si invola sulla fascia destra ma viene trattenuto in area da Doni e senza esitazioni l’arbitro indica il dischetto del rigore che permette a Del Mela di realizzare il terzo gol consecutivo dal suo arrivo a dicembre. Il gol della bandiera di Lamberti serve solo per addolcire una pillola amara oggi per la società mirese, che anzi al 90° devono ringraziare il salvataggio sulla linea di Pestugia sulla conclusione di Dentice. Finisce in gloria per i granata, che grazie al pareggio imposto dalla Salese all’Oriago, accorciano a meno 6, in attesa dello scontro diretto del 23 febbraio.